Tra tutti gli attori giunti al Lido per promuovere film sulla guerra in Iraq come in Bosnia Richard Gere è quello che appare più sereno nelle vesti di divo impegnato pubblicamente in una causa politica. Eppure difende a spada tratta anche i colleghi, dicendo che in America parte della comunità artistica, sin dagli anni ’30, ’40, si è mossa per portare all’attenzione del pubblico temi scottanti, prendendo parte a dimostrazioni e quant’altro. Anche sulla recente notizia che lo vorrebbe tra i più agguerriti contestatori delle Olimpiadi in Cina, l’attore vuole precisare che si tratta di una notizia errata, che non avrebbe nulla in contrario ai giochi olimpici a Pechino, se solo la Cina si dimostrasse disposta a discutere apertamente i problemi del paese, come la situazione in Tibet o la violazione dei diritti umani.

“Qual è la differenza tra un pessimista e un ottimista? Il primo pensa che le cose non possano andare peggio di così. Il secondo è convinto di sì.” la battuta chiave di un film comicamente amaro sulla guerra in ex Jugoslavia e, per traslato, su tutte le guerre di questi nostri tempi. Ciki e Nino, un bosniaco e un serbo, nel corso della guerra del 1993 si trovanio bloccati in una trincea nella terra di nessuno.

So they knocked out the possibility there was a security breach when they realized that there was a relationship between the two. By late summer, they went to senior people in the Justice Department, the attorney general, the deputy attorney general. And they said, listen, we have this criminal case.

But I think a part of the message is, voters are to blame here, too. And one message to send to them is, just because somebody pops up and says, I’m not a politician, I’m not like the rest of them, don’t listen to that siren song. Elect people who are politicians, which means they respect their institutions and they are looking to solve problems..

Kitano interpreta Nishi, un uomo tormentato dalla misteriosa morte di sua figlia di cinque anni e per il cancro terminale che ha colpito la moglie. Quando lei sta per morire, Nishi decide di fare un ultimo viaggio attraverso il Giappone. il film più riflessivo del regista.

As these are old books, we processed each page manually and make them readable but in some cases some pages which are blur or missing or black spots. If it is multi volume set, then it is only single volume. We expect that you will understand our compulsion in these books.

Formatosi nel cinema d’animazione, esordì nella regia con commedie sofisticate girate nello stile del regista americano Frank Capra. Con questi prodotti sofisticati come 365 notti (1948), La donna che toccava le gambe (1953) e soprattutto Il signor Pu (1953) ottenne un notevole successo di pubblico. Fin dagli esordi dimostrò, comunque, la sua spiccata versalità, la facilità narrativa combinata a una ironica verve, il suo eclettismo nella scelta dei soggetti, la sua capacità di realizzarli mantenendo un linguaggio e uno stile originale e distintivo.