Lavorerà anche all’estero, diretto da Miklòs Jancsò ne Il cuore del tiranno (1981) e, dopo Il conte Tacchia (1982) ancora per Corbucci e Animali metropolitani (1987) di Steno, si farà attore televisivo in mediocri miniserie. L’unica apparizione cinematografica degli anni Novanta è per l’amico di sempre, Sergio Citti che lo vuole nel film I magi randagi (1996), poi una piccola parte nella serie tv L’avvocato Porta (1997) con Gigi Proietti e l’Oblio.Nonostante questo, la personalità artistica di Ninetto Davoli vive ancora, tanto che l’amministrazione comunale del suo paese gli conferisce la cittadinanza onoraria. Torna a recitare nel 2006, sotto la regia di Eugenio Cappuccio in Uno su due con Fabio Volo.In principio era una cabina sul mare che ospitava ‘indifferente’ l’entrare e l’uscire di una varia umanità.

Gli utenti sono consapevoli che i Contenuti inviati potrebbero essere copiati, modificati, trasmessi e/o in altro modo diffusi da parte di terzi e si assumono ogni responsabilità in tale senso manlevando e mantenendo indenne Condé Nast.3) RIMOZIONESi precisa che, per natura, i Siti sono strumenti interattivi e immediati di scambio di opinioni e di contenuti in generale: Condé Nast informa che è suo preciso dovere vigilare sul corretto utilizzo dei Siti al fine di evitare che vengano immessi Contenuti illeciti. Si riserva pertanto, a proprio insindacabile giudizio, a seguito della mancata osservanza del Contratto, in caso di qualsiasi violazione delle condizioni di utilizzo dei Servizi, così come qualunque violazione di leggi, regolamenti e/o decisioni giudiziarie, il diritto di eliminare questi ultimi dai Siti o modificarli successivamente alla loro immissione da parte dell’utente e anche di inibire l’accesso agli utenti e cancellare la registrazione di chiunque in ogni momento e per qualunque motivo legittimo, senza preavviso, nonché di informare, ove opportuno, le Autorità Competenti qualora verifichi l’illiceità dei Contenuti inviati o l’illiceità dei comportamenti degli utenti. In ogni caso, Condé Nast si riserva il diritto, senza assumere però, al riguardo, alcun impegno, di revisionare, adattare, spostare o cancellare qualunque Contenuto caricato o messo a disposizione nell’ambito dei Servizi a propria esclusiva discrezione, anche senza alcun preavviso.

Mentre a partire dagli Anni Cinquanta, è stata una delle più rispettabili, ammirate e celebrate signore del musical broadwayano: un palcoscenico che ha conquistato a suon di repliche di “Gypsy A Musical Fable”, “Zia Mame”, “Sweeney Todd”, “Deuce”, “Blithe Spirit” e “A Little Night Music”. Mentre nel piccolo schermo, entrava nel cuore dei telespettatori risolvendo delitti sotto il nome della giallista di Cabot Cove Jessica Fletcher, protagonista della mitica serie La signora in giallo, andata in onda dal 1984 al 1996. Versatile e talentuosa, di successo, perfettamente funzionale in ogni film, è la vincitrice di ben cinque Tony Award e sei Golden Globe, mentre è stata candidata per ben tre volte agli Oscar come miglior attrice non protagonista e ben otto volte agli Emmy Awards.