Merito dei suoi grandi fan americani, tutti registi della “corte tarantiniana” come Robert Rodriguez, Rob Zombie, Edgard Wright, Eli Roth e Simon Pegg. Vero e proprio cult umano, quali altri misteri celerà l’ultima dea del regista di Pulp Fiction? Cosa altro ci mostrerà questa bellissima signora bionda che in maniera rilassata, ironica e fluida si fa baciare sorridente dall’autore di Grindhouse Death Proof? Ci saranno altri film schizofrenici e misogini, fra horror e hot road con sfumature di thriller nella sua carriera? Certo non ha fatto i più grandi film di tutti i tempi, ma è stata lo straordinario personaggio principale di gustose scene splatter scioccanti ed esplosive e quando parla, ancora oggi, esprime una sanguigna nostalgia verso quel piacere che un certo tipo di cinema trash poteva offrire.S ideways, Mondovino, Un’ottima annata: dal dramma dolceamaro alla commedia sentimentale, passando per il documentario eno socio politico, il vino si sposa con molti generi cinematografici, rendendoli più sapidi e attraenti. Con Butterfly Zone assistiamo però alla prima volta in cui il nettare di Bacco insaporisce i temi della fantascienza e del fantastico soprannaturale con umorismo, voluttà ed ebbra euforia.

Guai a chi l’ha liquidato come il solito Allen. Non è così: il meccanismo e lo stesso Alien fanno meno ridere, d’accordo, ma in compenso il dialogo maniacale fa digrignare i denti e le battute, anche quelle irresistibili, emergono dal buio della paura. O meglio dalla metropoli americana, che non è più quel ponte di Brooklyn con nevrotica poetica panchina, ma la Manhattan orfana delle Torri.Un passeggero sconsolato parla del mistero inesplicabile della vita al tassista che lo sta trasportando all’aeroporto.

Insomma, il film giusto, quello più importante della sua carriera è arrivato!La carriera nel piccolo schermoMigliore amica di un’altra nota attrice bambina di allora, Dakota Fanning, viene provinata per i ruoli di Sarah in Panic Room (2002) e di Tracy in Into the Wild (2007), senza però ottenerli, così si legherà ulteriormente al piccolo schermo (senza uscirne dal monitor per terrorizzare il malcapitato di turno stavolta) recitando in serial come Oliver Beene (2003 2004), Cold Case (2004), Senza traccia (2008), Betsy’s Kindergarten Adventures (2006) e Big Love (2006 2009). Ma la ricerca del successo sarà vana? Riuscirà questa attrice adolescente a scrostarsi dall’horror, passando da un genere all’altro? Staremo a vedere, nel frattempo, Samara Morgan ride di tutti noi dal fondo del pozzo in cui è condannata a vivere e morire, aspettando di uscire fuori nel terzo capitolo della sua storia che è in programma per il 2011. Disgraziatamente però Daveigh Chase non potrà più darle il suo volto.Con Jake Gyllenhaal, Noah Wyle, Drew Barrymore, Patrick Swayze, Holmes Osborne.continua Daveigh Chase, Maggie Gyllenhaal, Katharine Ross, Seth Rogen, Mary McDonnell, Jena Malone, James Duval, Jerry Trainor, Joan M.