a teatro che José Antonio Domnguez o più semplicemente Antonio Banderas viene notato dall’ancora sconosciuto Pedro Almodvar che nel 1982 lo sceglie per interpretare il terrorista punk Sadec nella screwball comedy Labirinto di passioni. E se con il regista di Ciudad Real l’attore andaluso stringe un sodalizio che gli regala la fama internazionale (prima di esaurirsi otto anni più tardi con Légami!), è a Hollywood che Banderas ha la possibilità di esplorare e mettere a punto nuovi personaggi. Gli basta entrare nei panni del compagno di un giovane e brillante avvocato gay (Tom Hanks) in Philadelphia per vedersi aprire le porte della Mecca del cinema.

L siglato settimana scorsa da Google con Luxottica per produrre gli occhiali più della storia, i Google glasses, è sicuramente un’ottima notizia. Per il suo progetto più innovativo e appunto più anticipato, il motore di ricercaha scelto un’azienda italiana. Certo, non una qualsiasi.

Volevo vedere i miei colleghi (Battiston, D’Amico, Amendola) come se la sarebbero cavata a meno venti gradi”.Flo è l’ospite musicale di questa puntata. Un’artista che è più di una musicista, visto il suo passato da attrice teatrale. A Spendor presenta La Mentirosa, il suo ultimo cd: “la mentirosa è la bugia intesa come possibilità di inventare qualcosa di diverso”.

Colpito il bunker di Gheddafi Domenica 20, inoltre, secondo giorno dell’operazione della coalizione internazionale, è stato colpito a Tripoli un edificio del bunker di Gheddafi. Il Pentagono, attraverso le parole dell’ammiraglio William Gortney, ha fatto però sapere che Gheddafi “non è nella lista dei bersagli della coalizione”. E una fonte della stessa coalizione lo ha ribadito nel confermare che il complesso di Bab al Aziziya a Tripoli, la residenza di Muammar Gheddafi, è stato obiettivo di un raid aereo in quanto si ritiene che dal suo interno si eserciti il comando e il controllo sulle forze libiche e che è proprio ridurre il potenziale militare delle forze fedeli a Gheddafi lo scopo dell’intervento della coalizione..

Trasferitosi in America in cerca di fortuna, recita un piccolissimo ruolo nella serie Matlock (1987), ma è l’incontro con l’horror e in particolare con lo scrittore Clive Barker a cambiare completamente la sua vita. Follemente affascinato dalla figura di questo autore, recita per lui ne Hellraiser (1987, cui seguirà anche Hell Bound Hellraiser II Prigionieri dell’Inferno del 1988, seppur con un altro regista) e il bellissimo Cabal (1990) con David Cronenberg nell’eccezionale veste di attore, dove Parker avrà l’occasione di diventare il viscido e pericoloso mostro Peloquin, simbolo della pellicola e protagonista della locandina del film! Tornato in Inghilterra, dopo qualche altra esperienza nella recitazione con Suore in fuga (1990) e Agatha Christie Poirot (1991), diventa uno dei protagonisti del telefilm Casualty (1993 1994).La carriera da registaEd è a questo punto, che decide di passare oltre e diventare un regista, dirigendo Kenneth Branagh, Laurence Fishburne, Irène Jacob e Michael Sheen, ma anche suo fratello Nathaniel, nella trasposizione cinematografica di Othello (1995). Il risultato è a dir poco misero.